EN
IT

In Franciacorta

Un lemma, tre mondi

Dici Franciacorta e la mente vola tra visioni che spaziano dal bucolico al glamour.
Franciacorta unisce in una parola tre mondi diversi: territorio, vino, metodo
Una terra, appunto: tremila ettari coltivati a Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Nero, con una piccola porzione dedicata all’antica varietà autoctona Erbamat, di cui Ronco Calino è entusiasta coltivatore.
La Franciacorta, vuoi per il pedoclima favorevole o per l’azione divulgatrice dei monaci, è territorio vocato al vino sin dal VI Secolo, Età Longobarda. Il passaggio epocale al Franciacorta, vino rifermentato in bottiglia, arriva nel 1961, con la prima produzione. Nel 1967 quel vino è premiato con la DOC, nel 1990 nasce il Consorzio per la Tutela del Franciacorta e nel 1995 il Franciacorta riceve, unico spumante secco d’Italia, la DOCG.
In poco più di mezzo secolo questo nettare brioso ed elegante ha saputo ammaliare vecchi e nuovi wine lover, critici autoctoni e no, addetti ai lavori sempre più esigenti. Al di là della vocazione territoriale la ragione di questo successo è stata la capacità dei produttori di imporsi regole severe, le più stringenti al mondo per questa categoria di prodotto, lavorando coesi in una unione di passioni che è molto più del motto del locale Consorzio: è realtà quotidiana.

« TORNA A Natura